Indice Corso: Master Taglio Base Femminile

Indice Corso: Master Taglio Base Femminile

Il Master online di taglio base femminile è un video corso online in cui il docente illustra passo-passo le metodologie di taglio più innovative.

Realizzato dallo staff della Hair Academy, il corso è dedicato a chi desidera formarsi come acconciatore professionista ma non ha la possibilità di frequentare un corso di presenza.

Formato da 6 moduli, in ognuno viene approfondito passo-passo un argomento: dalla teoria di taglio all’associazione delle forme principali.

Il nuovo corso online per acconciatori è un’opportunità concreta per chi vuole fare della propria passione un’arte.

Moduli Durata
1. Teoria del taglio
0h 13min
Influenze del taglio 0h 3min
Distribuzione 0h 2min
Proiezione 0h 1min
Separazioni e posizione delle dita 0h 2min
Attrezzi da lavoro e loro utilizzo 0h 3min
Le sei regole del taglio 0h 2min
2. La forma pari
1 h 46 min
Teoria della forma pari 0h 3min
Linea orizzontale su sezione rettangolo 0h 9min
Linea orizzontale su sezione profilo 0h 8min
Linea orizzontale su testa intera 0h 12min
Teoria della linea diagonale 0h 2min
Linea diagonale sinistra su sezione rettangolo 0h 11min
Linea diagonale destra su sezione rettangolo 0h 7min
Linea diagonale anteriore 0h 16min
Linea curva concava 0h 8min
Linea diagonale posteriore 0h 11min
Linea curva convessa 0h 7min
Combinazione linee di forma pari 0h 12min
3. Forme a gradi
1 h 25 min
3.1 Teoria delle forme a gradi
– Tecniche per distribuzione
– Tecniche per proiezione
– Tecniche per distribuzione + proiezione
– Tecniche con posizione delle dita
4. Forme progressive
1 h 05 min
4.1 Teoria delle forme progressive
– Tecniche di progressione in orizzontale
– Tecniche di progressione in verticale
– Tecniche di progressione in diagonale
– Tecniche di progressione per scivolamento
– Tecniche di progressione concave
5. Forme pari livello
2 h 15 min
5.1 Teoria delle forme pari livello
– Taglio planare
– Taglio a 90°
6. Associazione delle quattro forme
1 h 35 min
– Esempio 1
– Esempio 2
– Esempio 3